ShadowProtect IT Edition Italian ReadMe

 ShadowProtect IT Edition di StorageCraft

Ultimo aggiornamento: marzo 2012

 INFORMAZIONI GENERALI

Il presente file contiene informazioni aggiuntive che integrano il manuale. Leggere tutte le sezioni prima di procedere con il prodotto.  

SOMMARIO

  1. Requisiti di sistema
  2. Installazione di ShadowProtect IT Edition
  3. Attivazione di ShadowProtect IT Edition
  4. Funzionalità/Miglioramenti/Correzioni
  5. Note generali di utilizzo

 

1. Requisiti di sistema

  • Requisiti minimi di sistema
  • È necessario soddisfare i requisiti minimi del sistema operativo
  • Memoria:  almeno 256 MB di RAM (è necessaria una RAM di 512 MB per l'ambiente di ripristino Vista). 
  • Slot USB disponibile.  Se lo slot USB non è disponibile, è necessaria un'unità CD/DVD (oppure accedere al file .ISO del CD da una VM). 

Sistemi operativi supportati

ShadowProtect supporta sistemi operativi Windows a 32 o 64 bit

  • Windows Server 2008 R2
  • Windows Server 2008
  • Windows Small Business Server 2008
  • Windows EBS Server 2008
  • Windows Server 2003
  • Windows Small Business Server 2003
  • Windows 2000 Server/Advanced Server (SP4 o superiori)
  • Windows Small Business Server 2000
  • Windows 7
  • Windows Vista Home Basic
  • Windows Vista Home Premium
  • Windows Vista Ultimate
  • Windows Vista Enterprise
  • Windows Vista Business
  • Windows XP Media Center
  • Windows XP Professional (SP2 o superiori)
  • Windows XP Home (SP2 o superiori)

Tipi di file system/dischi supportati

Le edizioni ShadowProtect supportano i seguenti file system:

  • FAT16
  • FAT16X
  • FAT32
  • FAT32X
  • NTFS
  • Dischi GPT
  • Dischi dinamici

Supporti di archiviazione supportati

ShadowProtect supporta i seguenti supporti di archiviazione:  unità disco incluse unità di rete, SAN, NAS, iSCSI, SCSI, USB o firewire, e supporti ottici come CD/DVD/Blu-Ray. 

  2. Installazione di ShadowProtect IT Edition

IT Edition viene eseguito da una chiave USB o da un CD/DVD. Non è necessario installare ShadowProtect IT Edition.  È possibile installare temporaneamente un driver di montaggio qualora si stiano montando file di immagine mentre il sistema operativo è in esecuzione. 

 3. Attivazione di ShadowProtect IT Edition

Sarà necessario attivare ShadowProtect prima della fine del periodo di prova o della scadenza del trimestre.  Il prodotto dovrà essere attivato ogni trimestre.  Se l'esecuzione automatica di IT Edition non si avvia automaticamente, esplorare la chiave USB di IT Edition e fare clic su Programmi ? SHADOWPROTECTPE ?SHADOWPROTECTPE.EXE.  Verrà richiesto di inserire il product key ricevuto al momento dell'acquisto dell'abbonamento di ShadowProtect IT Edition.  Una volta immesso correttamente il product key, fare clic sul pulsante Attiva.  Se l'abbonamento è scaduto, l'utente riceverà una notifica e non potrà utilizzare ShadowProtect IT Edition fino al momento del rinnovo della licenza 

 Concessione della licenza di ShadowProtect IT Edition

ShadowProtect IT Edition è concesso in licenza a tecnici informatici.  È possibile utilizzare il software sul numero di server, desktop e laptop desiderato per tutta la durata dell'abbonamento. 

4. Funzionalità/Miglioramenti

Versione 4.1.3.13 (gennaio 2012)

  • Corretto un bug che impediva il corretto funzionamento di Start Activate.exe di IT Edition nel  Recovery Environment (Ambiente di ripristino), quando si provava ad  eseguire qualsiasi operazione a 'freddo'.
  • Corretto un errore IOCTL che impediva la corretta esecuzione di IT Edition in computer che utilizzano Symantec Volume Manager

Versione 4.1.3 (ottobre 2011)

  • Corretto un bug che impediva l'esecuzione di IT Edition in computer che utilizzano Symantec Volume Manager.

Versione 4.1.2 (maggio 2011)

  • ShadowProtectPE.exe è stato corretto e verrà ora eseguito a 'caldo' in XPx86.
  • Consentita l'autenticazione NTLM ad alcuni dispositivi NAS meno recenti.

Versione 4.1.0 (marzo 2011)

  • Il layout di tastiera del sistema può ora essere modificato all'interno del Recovery Environment (Ambiente di ripristino) avviato.
  • Rilasciata nelle lingue: inglese, giapponese, francese, tedesco e portoghese del Portogallo.
  • Corretto un bug per cui creando ripetutamente e poi eliminando la stessa partizione, si poteva causare l'assegnazione di più volumi a tale partizione.

Versione 4.0.2 (ottobre 12, 2010)

  • Il Recommended Recovery Environment (Ambiente di ripristino Scelta consigliata) si basa ora su una build WinPE di base pulita di Windows Server 2008R2, che dispone di un eccellente supporto predefinito per i dispositivi. Non viene installato automaticamente alcun driver aggiuntivo di terzi.  Piuttosto, tutti i driver di archiviazione/rete/di altro tipo di terzi (inclusi i driver per varie VM) si trovano nella directory Additional_Drivers e devono essere caricati manualmente, se necessario, utilizzando la voce di menu TOOLS (STRUMENTI) -> LOAD DRIVERS (CARICA DRIVER).  Nelle build future, qualsiasi modifica al contenuto della directory Additional_Drivers sarà annotata nel file ChangeLog.txt contenuto all'interno della directory Additional_Drivers.  Lo scopo dell'utilizzo di WinPE di base pulito era l'eliminazione di alcuni conflitti di driver che si stavano verificando (per cui un driver di terzi inserito avrebbe rivendicato erroneamente la proprietà di un hardware che, in realtà, non supporta).
  • La procedura guidata di aggiornamento dell'USB ora aggiorna tutti i file critici dell'USB IT Edition. Tuttavia, non aggiorna più il file .ISO che si trova nell'unità USB di destinazione. Il file .ISO nell'unità USB non viene utilizzato in realtà dall'unità USB quando viene avviata.  Il file .ISO viene posizionato nell'unità USB per comodità, da utilizzare come origine per i CD-R di avvio o direttamente da sessioni di avvio delle VM da CD.  Se si desidera aggiornare il file .ISO nell'unità USB, è possibile copiare il file .ISO aggiornato dal pacchetto di Aggiornamento sulla propria unità USB (sovrascrivendo il vecchio file .ISO)
  • All'avvio di IT Edition, l'opzione del menu LOAD DRIVERS (CARICA DRIVER) viene ora abilitata anche se IT Edition non è ancora stato concesso in licenza (in casi in cui non è stata ancora trovata l'unità USB, oppure non è stato ancora connesso ad un server licenze).  Ciò consentirà agli utenti di caricare i driver di rete necessari in modo da connettersi ad un server licenze, qualora i driver delle loro NIC non vengano caricati automaticamente.
  • Corretto un problema che impossibilitava IT Edition nel recuperare la propria licenza, provocando l'errore "License content does not match digital signature" (Il contenuto della licenza non corrisponde alla firma digitale).

5. NOTE GENERALI DI UTILIZZO

L'utente deve testare il Recovery Environment (Ambiente di ripristino) di StorageCraft al fine di assicurarsi che venga eseguito in maniera appropriata nel proprio computer.  A tale scopo, avviare il Recovery Environment (Ambiente di ripristino) di StorageCraft dalla chiave USB o dal CD/DVD di ShadowProtect IT Edition.  

Se il Recovery Environment (Ambiente di ripristino) di StorageCraft si avvia e viene eseguito come previsto, l'utente sarà allora pronto ad eseguire le operazioni di ShadowProtect dal Recovery Environment (Ambiente di ripristino), nel caso in cui il sistema non si avvii o l'utente abbia bisogno di ripristinare un volume di sistema da un file di immagine di backup oppure desideri creare immagini di backup a freddo usando il Recovery Environment (Ambiente di ripristino).

Se il Recovery Environment (Ambiente di ripristino) di StorageCraft non si avvia o esegue come previsto, l'utente dovrà verificare quanto segue:

  • Il sistema dal quale si sta avviando l'ambiente di ripristino deve essere configurato affinché si avvii dal dispositivo USB o da CD/DVD. 
  • Provare entrambe le opzioni di avvio Recommended (Scelta consigliata) e Legacy.  .  Nella modalità di avvio Legacy sono presenti driver aggiuntivi. 
  • L'utente non dispone dei driver della scheda di interfaccia di rete (NIC, Network Interface Card) necessari per accedere alla rete.  Contattare il Supporto tecnico di StorageCraft inviando un messaggio di posta elettronica all'indirizzo support@storagecraft.com, in modo che i driver della NIC necessari possano essere inclusi nelle build successive di ShadowProtect IT Edition..
  • L'utente non dispone dei driver di archiviazione necessari per accedere al dispositivo di archiviazione nel computer.  Potrebbe essere necessario caricare i driver di archiviazione all'avvio.  Durante la fase di avvio iniziale del Recovery Environment (Ambiente di ripristino) Legacy XP/2003 di StorageCraft, verrà richiesto di premere il tasto F6 per aggiungere i driver di archiviazione. All'utente verrà quindi richiesto di caricare il driver di archiviazione dal dischetto.  È sempre una buona idea quella di tenere i driver di archiviazione necessari in un dischetto disponibile nel caso in cui sia necessario avviare l'USB o il CD/DVD ShadowProtect da eseguire dal Recovery Environment (Ambiente di ripristino).  I driver di archiviazione devono avere il formato textsetup.oem per essere caricati nel Recovery Environment (Ambiente di ripristino) Legacy. Se si è avviata l'opzione di avvio Recommended (Scelta consigliata, Ambiente di ripristino Vista), è possibile caricare dinamicamente i driver di archiviazione richiesti fornendo la directory in cui si trovano i driver.  I file dei driver per il Recommended Recovery Environment (Ambiente di ripristino Scelta consigliata) devono essere driver di Vista in formato .inf e .sys. Contattare il Supporto tecnico di StorageCraft inviando un messaggio di posta elettronica all'indirizzo support@storageCraft.com in modo tale che i driver di archiviazione necessari possano essere inclusi nelle build successive di ShadowProtect IT Edition.

La chiave USB o il CD/DVD ShadowProtect contiene il Recovery Environment (Ambiente di ripristino) di StorageCraft che viene usato come disco di avvio per il ripristino di un'immagine di backup nel volume di sistema.  Accertarsi di conservare la chiave USB o il CD/DVD in un luogo sicuro così da poterlo utilizzare qualora sia necessario un ripristino bare metal del computer.

 

 

=============================================================
© Copyright 2012 StorageCraft Technology Corporation.  Tutti i diritti riservati.  Il presente Software e la Documentazione sono protetti da copyright   La proprietà del Software ShadowProtect IT Edition è riservata a StorageCraft Technology Corporation.  StorageCraft, il logo StorageCraft e i logo ShadowProtect IT Edition sono marchi commerciali di StorageCraft Technology Corporation.  ShadowProtect IT Edition è un marchio commerciale di StorageCraft Technology Corporation negli Stati Uniti e altrove. Tutte gli altri marchi e nomi dei prodotti sono o potrebbero essere marchi o marchi registrati dei rispettivi proprietari.

 

Terms and Conditions of Use - Privacy Policy - Cookies